Languages

Carrello

. Condizioni di vendita
>>

L'Editoriale Mercury fa il suo debutto ufficiale nell'editoria a fumetti nel gennaio 1996 con una prestigiosa edizione a colori delle primissime avventure di TEX (nell'originale versione "non censurata" del 1948) per continuare nel novembre dello stesso anno con la pubblicazione del volume cartonato.

Le iniziative editoriali della Mercury si sono moltiplicate e diversificate costantemente: ricordiamo le interessanti riproposte del materiale a striscia anni '50 e '60, come ad esempio La Collana Lampo, IL PICCOLO RANGER, GIUBBA ROSSA e UN RAGAZZO NEL FAR WEST, storiche testate dell'editrice Audace oggi Sergio Bonelli Editore o ancora KINOWA, JAMES DYAN, GUN GALLON, TIMBERGEK e PECOS BILL ormai introvabili anche nel mercato dell'usato.

...

Ricerca

Includi albi non disponibili
Ricerca libera

Collana
Disegnatore

Sceneggiatore
 

ESSE G ESSE - Fumetto-Online.it

Autore: ESSE G ESSE

Il trio della EsseGesse è uno dei sodalizi, composto da Giovanni Sinchetto (1922-1991), Dario Guzzon (1926-2000) e Pietro Sartoris (1925-1989), più celebri e longevi del panorama del fumetto italiano, una sigla con la quale sono cresciute varie generazioni di lettori di fumetti, e non solo in italia.

Dopo alcune esperienze come autori singoli, i tre decidono di mettersi insieme con la sigla EsseGesse per realizzare il loro primo personaggio corale, Olenwald il Nibelungo - creato graficamente da Franco Donatelli - pubblicato sulla Gazzetta dei Piccoli dal n. 8 del 19 febbraio al n. 25 del 18 giugno del 1950 (come supplemento al quotidiano di Torino La Gazzetta del Popolo).

Agli inizi degli anni Cinquanta propongono alcuni nuovi personaggi all'attenzione del pubblico. Due di questi, Capitan Miki (1951) ed Il grande Blek (1954), pubblicati dalla casa Editrice Dardo saranno tra i fumetti più apprezzati del periodo.

Negli anni Sessanta, con un'altra loro creazione - Alan Mistero – tenteranno, peraltro con poca fortuna, anche di imporsi nella veste di editori. Risultati più lusinghieri otterranno invece con il Comandante Mark (1966) edito dalla Daim Press (la futura Bonelli), fumetto che resterà per anni (fino al 1990) nelle edicole.

 

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.